Inizia come elettronico, diventa ingegnere

I professionisti fanno strada: Hervé Fischer

«La formazione continua ti permette di realizzare le aspirazioni professionali» afferma l’ingegnere Hervé Fischer, che oggi progetta motori per i climatizzatori delle automobili. Per questa attività le conoscenze pratiche acquisite durante il tirocinio si sono rivelate indispensabili.

Sei entrato nel mondo del lavoro dopo un tirocinio come elettronico. Spiegaci perché.
Volevo scoprire qualcosa di nuovo ed entrare in un mondo che non conoscevo. Per curiosità ho fatto uno stage d’orientamento in un’azienda che costruisce sistemi di vigilanza elettronici per l’industria aeronautica. Con grande fortuna ho potuto svolgere lì il tirocinio di elettronico. Visto che mi piacevano la matematica e le scienza naturali non ho avuto alcun problema.

Oggi lavori come ingegnere elettrotecnico. Cosa ti ha spinto a iniziare un nuovo percorso?
Già durante il tirocinio sapevo che sarei voluto restare nel settore dell’elettronica. Il lavoro mi ha affascinato fin da subito. Dopo il tirocinio volevo approfondire le mie conoscenze nel campo della progettazione e dell’innovazione. È così che ho conseguito un bachelor in elettrotecnica con specializzazione in elettronica e un master in ingegneria e tecnologie industriali alla scuola universitaria professionale di Friburgo. Dello studio ho apprezzato soprattutto l’approccio interdisciplinare e la varietà dei contenuti.

Quali ostacoli hai dovuto superare?
La sfida più impegnativa è stata l’organizzazione del tempo. Frequentando uno studio a tempo pieno mi sono potuto mantenere solo grazie a una borsa di studio della fondazione Hirschmann e lavorando nei weekend. Tuttavia, non volevo sacrificare i miei hobby, così ho imparato a ottimizzare il tempo e a gestire lo stress. Il sostengo della mia famiglia e dei miei amici è stato fondamentale e mi ha spinto a non mollare.

Cosa hai imparato nella formazione di base che ritieni indispensabile anche nella tua attività quotidiana?
Ho svolto il tirocinio in un’azienda con 500 collaboratori e ho imparato già a 16 anni a inserirmi in un gruppo e assumermi le mie responsabilità. Tutto ciò si rivela utile ancora oggi. Il tirocinio è stato molto vario e oltre all’elettronica mi ha permesso di conoscere alcuni aspetti del settore logistico e organizzativo. Oggi lavoro come ingegnere in ricerca e sviluppo e progetto motori per gli impianti di climatizzazione delle automobili. Per questa attività le conoscenze pratiche acquisite durante il tirocinio si sono rivelate indispensabili.

Perché vale la pena iniziare una formazione continua?
Il mio obiettivo è sempre stato quello di fare un lavoro che mi piace. Non riesco a immaginare di svolgere una professione in cui non sento realizzato. Una formazione continua ti permette di realizzare le tue aspirazioni. E quando fai quello che ti piace non ti sembra neanche di lavorare. Inoltre, non bisogna avere paura del futuro e accogliere i cambiamenti del proprio settore professionale perché è proprio questo che rende il lavoro entusiasmante.

Hervé Fischer

Età 30
Prima formazione elettronico  
Altri titoli
  • Bachelor in elettrotecnica, HTA Friburgo
  • Master in ingegneria e tecnologie industriali, HES-SO
Attività ingegnere hardware
Datore di lavoro  Johnson Electric Switzerland AG, Murten 

SULLA STRADA GIUSTA

Formazione & carriera (7 min)
La formazione professionale superiore


Link

Pianificazione della carriera
Riorientarsi, perfezionarsi, riqualificarsi: l’orientamento professionale fornisce consigli utili per pianificare la propria carriera e illustra le offerte formative disponibili.
Orientamento.ch