Inizia come panettiere-pasticciere, diventa capo panettiere-pasticciere

I professionisti fanno strada: Maies Zakaria

Quando aveva dieci anni Maies Zakaria è arrivato in Svizzera come rifugiato dall’Iran. Qui ha realizzato il suo sogno: fare un tirocinio nel settore alimentare. Le difficoltà non lo hanno scoraggiato, ha seguito la sua strada e oggi lavora in una panetteria come responsabile della produzione.

Sei entrato nel mondo del lavoro con una formazione professionale di base di panettiere-pasticciere. Spiegaci perché.
La produzione degli alimenti mi ha sempre affascinato. È interessante vedere che da ingredienti semplici come la farina o il lievito scaturiscono, per esempio, il pane e gli altri prodotti da forno. Per questo volevo diventare cuoco o panettiere. Tuttavia, trovare un posto di tirocinio è stato molto difficile a causa dello status di rifugiato e del mio tedesco stentato. Alla fine ho avuto un colpo di fortuna: il mio attuale capo mi ha permesso di iniziare la formazione di panettiere-pasticciere.

Oggi sei capo panettiere-pasticciere-confettiere. Cosa ti ha spinto a iniziare un nuovo percorso?
Dopo aver portato a termine il tirocinio sono rimasto in azienda e ho iniziato a svolgere mansioni sempre più importanti. All’inizio mi occupavo del reparto biscotteria poi sono diventato responsabile della produzione e ho iniziato a formare gli apprendisti. Per prepararmi a questi compiti ho assolto le formazioni di specialista nella direzione di un team e di capo panettiere-pasticciere con attestato professionale federale.

Quali ostacoli hai dovuto superare?
L’ostacolo più grande è stato trovare un posto di tirocinio a causa dello status di rifugiato e della scarsa conoscenza del tedesco. Ma volevo assolutamente imparare una professione perciò non mi sono scoraggiato. Alla fine il mio attuale datore di lavoro mi ha permesso di fare uno stage d’orientamento. Quando ha dovuto valutare il mio operato gli ho chiesto di tenere conto delle mie qualità, senza lasciarsi influenzare dallo status di rifugiato. Ho ottenuto il posto di tirocinio e mi sono buttato anima e corpo nella formazione, che ho portato a termine con ottime note.

Cosa hai imparato nella formazione di base che ritieni indispensabile anche nella tua attività quotidiana?
Nel mio lavoro la precisione e l’affidabilità sono importantissime: per garantire la qualità dei prodotti da forno occorre attenersi scrupolosamente alle ricette. Per questo, già dall’inizio del tirocinio ho imparato a lavorare in maniera autonoma e precisa. Inoltre, in una panetteria bisogna essere puntuali e assicurarsi che i prodotti siano in negozio quando arrivano i primi clienti. Oltre ad acquisire il sapere artigianale ho imparato a integrarmi in un gruppo.

Perché vale la pena iniziare una formazione continua?
Le formazioni continue che ho assolto mi hanno consentito di svolgere mansioni che comportano maggiori responsabilità e di ampliare le mie conoscenze. E poi ho conosciuto tante persone fantastiche su cui posso contare ancora oggi quando ho delle domande specifiche. Inoltre, le formazioni sono state fruttuose anche dal punto di vista personale: ho imparato a conoscermi meglio e ho acquisito delle capacità utili anche nella mia vita privata. È un’ottima cosa.

Maies Zakaria

Età 29

Prima formazione

Apanettiere-pasticciere AFC, indirizzo panetteria-pasticceria

Altri titoli

Capo panettiere-pasticciere APF, indirizzo panetteria-pasticceria

Azienda

Back Caffee AG, Grenchen

SULLA STRADA GIUSTA

Formazione & carriera (7 min)
La formazione professionale superiore


Link

Pianificazione della carriera
Riorientarsi, perfezionarsi, riqualificarsi: l’orientamento professionale fornisce consigli utili per pianificare la propria carriera e illustra le offerte formative disponibili.
Orientamento.ch